immagine del caricatore

Sir Norman Foster in visita a La Rotonda

Quando Sir Norman Foster, architetto e designer britannico tra i principali esponenti dell’architettura high-tech, in un giorno di ottobre dalle 12 alle 16 circa, è venuto a visitare La Rotonda si è creato un ponte, un collegamento potente e profondo, tra l’architettura di oggi e quella di ieri.
Una visita all’insegna del rispetto e del silenzio all’interno di un edificio che, tramite le sue strutture e le sue decorazioni, trasmette continue ed intense vibrazioni. D’altronde, ogni arco, ogni struttura o decorazione racconta qualcosa al visitatore riguardo la storia de La Rotonda, iniziata nel XVI secolo con la sua costruzione.
In visita a Venezia con la moglie Elena Ochoa Foster e ospite di Francesco Bellavitis, Sir Norman Foster – premio Pritzker che la regina d’Inghilterra ha nominato Lord nel 1999 e autore di capolavori dell’architettura contemporanea, come la Hong Kong and Shanghai Bank, la City Hall, il Millennium Bridge di Londra e la cupola del Parlamento di Berlino – ha deciso di godere delle bellezze della vicina Vicenza: partendo dalla Basilica Palladiana, edificio pubblico che si affaccia su Piazza dei Signori, continuando con il Teatro Olimpico, una delle meraviglie della città, e concludendo con La Rotonda.

Una visita magnifica, di quelle inaspettate, che avvengono in un momento inatteso, in cui la persona, il visitatore e anche un numero primo come Sir Norman Foster, che non trova comun denominatore con alcun tipo di situazione, riescono ad entrare in simbiosi con il luogo.

Finita la visita, nella speranza che un’occasione del genere possa ripetersi in futuro, Nicolò Valmarana ha proposto all’architetto britannico di “considerare La Rotonda come il suo studio”.

La sensazione è che da personaggi di questa caratura si impara anche dal silenzio, dal rispetto e dal sorriso di profonda gratitudine e accondiscendenza.

Sir Norman Foster visiting La Rotonda

When Sir Norman Foster, a British architect and designer, among the leading exponents of high tech architecture, came to visit la Rotonda in October a bridge was created, a deep and powerful connection between today’s and yesterday’s architecture.

A visit in the name of respect and silence inside the building that, though its structures and decorations, transmits continuous and intense vibrations. On the other hand, each arch, every structure or decoration tells the visitor something regarding the Rotonda’s story, from the 16th century with its construction.

Visiting Venice with his wife Elena Ochoa Foster and Francesco Bellavitis guest, sir Norman Foster, awarded Pritzker and nominated as a lord by the Queen of England in 1999 and author of masterpieces of contemporary architecture. Such as the Hong Kong and Shanghai Bank, the City Hall, the Millennium Bridge in London and the Dome in Berlin’s Parliament, decided to enjoy the beauties of nearby Vicenza: starting from the palladian Basilica, a public building overlooking Piazza dei Signori, continuing with the Olympic Theatre, one of the wonders of the city, and concluding with La Rotonda.    

A magnificent visit, unexpected, which takes place at an unexpected time, when the person, the visitor and also an even number like Sir Norman Foster, who finds no common denominator with certain types of situations, manage to get into symbiosis with the place. 

After the visit, Nicolò Valmarana proposed to the British architect to “consider La Rotonda as his studio” in the hope that such an occasion could be repeated in the future .

The feeling is that from characters of this caliber you also learn from their silence, from the respect and smile of deep gratitude and condescension.